ago 04 2016

D.G.S.I.A. – i risultati dell’incontro del 1 agosto

Pasquale-LiccardoNel corso della riunione tenutasi lo scorso 01 agosto, il D.G. SIA ha esposto i suoi programmi nell’ambito della D.G.SIA parlando prevalentemente di sicurezza dei servizi, formazione del personale e necessità di procedere all’internalizzazione dei servizi più “critici” del Ministero. Si è insistito molto sulla necessità di procedere ad una formazione del personale informatico, che sia poi costante nel tempo.

Su richiesta nostra ha confermato la proroga dei distacchi del personale rinviando alla definizione delle piante organiche il processo di stabilizzazione Sul punto ci siamo fortemente opposti, non ritenendo plausibile che il personale debba vivere nell’incubo dell’instabilità.

Abbiamo altresì ribadito la necessità di inserire nel processo di riqualificazione la figura degli informatici e di prevedere le indennità. Sul punto non si sono espressi, rinviando il tutto ai tavoli tecnici che partiranno a settembre per la revisione delle professioni professionali.

È stato da noi richiesto di conoscere il futuro del personale amministrativo presso i Cisia e DGSIA, sia in vista della centralizzazione degli acquisti che della soppressione di alcuni CISIA, rappresentando come anche queste figure siano fondamentali per l’andamento della Direzione Generale e di tutti i processi informatici. Nessuna risposta è pervenuta… o meglio è stato specificato, per il personale amministrativo presso le sedi Cisia soppresse, che non essendo personale tecnico, non è un problema del Direttore Generale SIA!!!!

alleghiamo il nostro contributo consegnato durante la riunione alla delegazione di parte pubblica INCONTRO-1-Agosto-2016

ago 02 2016

Riorganizzazione DGSIA, incontro del 1 agosto

big_thumb

Si è svolto il previsto incontro al Ministero per la riorganizzazione della DGSIA e dei CISIA.

Confermata la volontà dell’Amministrazione di professionalizzare e consentendo la massima formazione del personale nonché la revisione/creazione delle piante organiche per questi uffici da sempre tenuti nel limbo.

Incognita ancora sul rinnovo dei distacchi del personale che la nostra Federazione ha chiesto di rinnovare per almeno un anno. Essendo in discussione l’equilibrio del personale (e delle famiglie) la nostra Federazione avvierà a brevissimo un’iniziativa per garantire la maggior tutela ai colleghi.

Alleghiamo la nota consegnata alla delegazione di parte pubblica  INCONTRO 1 Agosto 2016

 

lug 29 2016

L’INDORATA PILLOLA nuove assunzioni, revisione dei profili professionali e fua 2016

Il 27/07/2016 l’Amministrazione ha incontrato le OO.SS. per avviare il processo di revisione dei profili professioni e FUA 2016.
commissione-giustizia-675 La pillola è stata “indorata” dal Capo di Gabinetto con l’illustrazione dell’emendamento, approvato dalla Commissione Giustizia della Camera dei Deputati, fortemente voluto dal Ministro Orlando, con il quale si da il via libera all’assunzione di 1.000 nuove unità per porre un freno alle sempre più emergenti criticità degli Uffici Giudiziari. Numero che successivamente potrà essere ampliato a seguito della chiusura delle procedure di mobilità – dei 1583 posti messi a disposizione le richieste sono state solo circa 360 – in quanto il Ministero si riapproprierà del potere di gestione delle procedure di assunzione.

La fiducia nella conversione del D.L. sul procedimento amministrativo telematico contenente l’emendamento ha portato l’Amministrazione ad aprire i tavoli tecnici per la previsione di nuovi profili professionali e revisione di quelli esistenti, alla luce del cambiamento del lavoro del personale giudiziario provocato dall’introduzione massiccia della digitalizzazione. L’appuntamento è fissato al 5 settembre. Veloce è stata la rappresentazione dell’avvio delle procedure FUA: ci sono gli stanziamenti per le progressioni del personale ma i fondi non sono abbastanza e le progressioni non saranno per tutti.
La pillola è diventata amara! La nostra O.S. ha rinnovato le richieste avanzate già da tempo:
• Necessità di rimpinguare il FUA anche attraverso il recupero delle spese di giustizia, contributo unificato e ogni altra entrata ottenuta grazie all’attività del personale giudiziario.
• Previsione dell’indennità per il miglioramento dell’efficienza organizzativa, già riconosciuta da altre Amministrazione: la previsione di indennità fisse mensili che stimolerebbero una maggiore partecipazione e coinvolgimento dei dipendenti.
• Le quote incentivanti del personale devono essere rapportate alle quote attribuite ai dirigenti! La performance e dunque il PREMIO dei dirigenti è strettamente correlata all’attività del personale… difficilmente un dirigente potrebbe ottenere i risultati programmati e desiderati se il personale delle qualifiche funzionali non collaborassero al meglio!
• Predeterminazione degli obiettivi per la distribuzione del Fondo Unico di Amministrazione (siamo a luglio 2016 e anche quest’anno sarà impossibile).
• Necessità di prevedere un meccanismo periodico di ricorso gli interpelli per permettere la mobiltà interna del personale, che oramai da anni attende il “riavvicinamento” presso le sedi vicine alla loro “casa”.
• Passaggio economico di tutto il personale inquadrato nel profilo professionale dell’Ausiliario (I area), nel profilo professionale dell’Operatore Giudiziario (Seconda Area) in attuazione dell’ Accordo FUA 2010;
Prendiamo atto del lavoro svolto sin qui dall’Amministrazione ma ricordiamo sempre che basterebbe veramente poco per ottenere un grande risultato!

Il Coordinatore Nazionale
Claudia Ratti

FLASH 2016 N 11 – L’INDORATA PILLOLA

lug 27 2016

Depositate osservazioni sulla riqualificazione del personale

imagesAbbiamo provveduto a formalizzare le osservazioni già espresse nel corso della riunione del 1/07/2016 in merito al processo di riqualificazione del personale ribadendo che è necessario:

  • consentire a tutti l’accesso al percorso formativo;
  • ridurre ai minimi termini le prove;
  • individuare giornate ed orari ben precisi in cui “distogliere” il personale dalle normali attività per fare la formazione;
  • ampliare i profili professionali interessati al passaggio tra le aree estendendolo a tutte le qualifiche;
  • consentire a tutto il personale in servizio la progressione tra le aree ed all’interno delle aree;

Si è colta l’occasione per fornire specifica documentazione su quelle che riteniamo siano le maggiori problematiche che da anni restano irrisolte (ed anzi si sono aggravate) del personale.

Pubblichiamo: 

lug 07 2016

RIQUALIFICAZIONE, lo scetticismo regna sovrano

fumata biancaIl 1 luglio ’16 l’Amministrazione ha incontrato le OO.SS. ribadendo che:

  • potranno accedere al percorso di formazione tutti i cancellieri e ufficiali giudiziari in servizio alla data del 14.11.2009;
    la formazione sarà a distanza, su piattaforma e-learning;
  • le prove consisteranno in una prova selettiva scritta (test a risposta multipla) e una prova orale;
  • al termine del percorso verrà pubblicata una graduatoria (che resterà aperta);
  • transiteranno 1082 unità nel profilo di Funzionari giudiziari e 622 nel profilo di Funzionari Unep per un totale 1.704 unità.

La nostra Federazione ha ricordato che:
• da troppi anni i dipendenti della giustizia attendono la riqualificazione e che è auspicabile l’aumento del numero di coloro che transiteranno subito nella terza area, che appare davvero troppo esiguo rispetto ai cancellieri e ufficiali giudiziari attualmente in servizio.
• I lavoratori da molti anni espletano i compiti che attengono a qualifiche superiori, senza alcun riconoscimento, supplendo alla carenza di organico dei 2.030 Funzionari giudiziari e 737 Funzionari Unep. Ogni prova è sostanzialmente superflua, vista la professionalità dimostrata quotidianamente sul “campo”. Si rende indispensabile conoscere fin da subito i criteri di selezione.
• Devono essere avviate contemporaneamente le procedure anche per le altre figure professionali e deve essere data a tutti la stessa possibilità, sia con progressioni all’interno delle aree che tra le diverse aree.
•A distanza di mesi dalla sottoscrizione dell’accordo FUA 2013, 2014 e 2015, non sono state date indicazioni e, men che meno, soldi al personale.
• Vi è la necessità di riconvocare le OO.SS. per definire la distribuzione di €.15.919.082 attribuito al Ministero della Giustizia con DPCM 12 novembre 2015 ad incremento delle disponibilità dei Fondi unici di amministrazione per il personale delle aree dei Ministeri per il 2015.
• Vi è la necessità di convocare con urgenza sia per il FUA 2016 che 2017, trovando delle soluzioni per implementare i fondi (abolizione Equitalia, acquisizione Contributo Unificato …).
• Occorre risolvere la questione degli ausiliari che aspettano il passaggio alla seconda area, nonostante lo stanziamento nell’accordo FUA 2010.
• E’ indispensabile discutere il nuovo Contratto Integrativo.
Abbiamo tempo fino al 20 luglio per presentare le nostre osservazioni a seguire il Ministero procederà alla preparazione del bando che dovrebbe essere pubblicato entro il 05.09.2016, ma il condizionale è d’obbligo.
Bei programmi, bei progetti e soprattutto belle parole. Siamo stanchi di proclami, bisogna passare ai fatti…ma lo scetticismo regna sovrano.

Prendiamo atto che, mantenendo fede all’impegno assunto,  il 7 luglio è stata diffusa la circolare per il FUA 2013-2015, ci auguriamo che sia l’inizio di una nuova e più dinamica Amministrazione.

Il Coordinatore Nazionale
(Claudia Ratti)

flash 7 resoconto incontro 1 luglio

Circolare Fua13.14.15.92046.udd.7.7.16

informativa 1 luglio 2016

Post precedenti «

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: