News

NOMINE ILLEGITTIME DEI RUP – LA NOSTRA FEDERAZIONE DIFFIDA LA D.G.S.I.A.

La nostra Federazione ha segnalato l’illegittimità della prassi dell’Amministrazione centrale, in particolare della Direzione Generale per i Sistemi Informativi Automatizzati, consistente nel nominare RUP (Responsabile Unico Procedimento) il personale pur se privo di specifici requisiti previsti nella normativa vigente.

Infatti, riteniamo che pur riconoscendo la possibilità che la stazione appaltante possa individuare quale RUP il personale inquadrato nei ruoli di funzionari -laddove non sia possibile nominare un dirigente– è necessario applicare pedissequamente quanto disposto dalla normativa in oggetto.

Prima di procedere alla nomina di RUP di personale non dirigenziale è necessario verificare il possesso dei requisiti, previsti dalla normativa vigente ivi comprese le disposizioni contenute nelle linee guida dell’ ANAC che hanno carattere vincolante.

Abbiamo inoltre evidenziato come  affinché sia rispettato l’intero disegno legislativo, è necessario che sia in vigore il  regolamento recante norme per la ripartizione degli incentivi economici di cui all’art. 113 del D.lgs. 50/2016, più volte richiesto e sollecitato da questa Federazione, ma che ad oggi, con ben due anni di ritardo dall’entrata in vigore del nuovo codice degli appalti, ancora non è stato approvato, creando questo grave nocumento a tutto il personale coinvolto nelle attività destinatarie di tali incentivi.

Per questi motivi la nostra O.S. ha diffidato l’amministrazione a procedere ad ulteriori nomine di RUP e DEC,  in violazione delle norme e delle direttive vigenti e contestualmente ha richiesto di: 

  • revocare di tutte le nomine già effettuate in violazione dei suddetti principi;
  • effettuare tutti gli accertamenti sulle violazioni esposte riservandosi, comunque, il ricorso alle sedi competenti nel caso in cui la situazione dovesse perdurare;
  • provvedere alla stipulazione dell’assicurazione di responsabilità civile professionale per i rischi derivanti dallo svolgimento delle attività;
  • riconoscere gli incentivi.

Per i dettagli vi invitiamo a leggere la nota inviata all’Amministrazione Prot 58 – 2018

Flash 36 Nomina RUP

 

Segretario Generale

(Claudia Ratti)

 

CAOS E PARCHEGGI AL TRIBUNALE DI BARI atto terzo…

Ancora una volta Confintesa FP, instancabile nel rappresentare e cercare di risolvere le problematiche dei lavoratori giustizia, ha chiesto  per iscritto all’Amministrazione ed al Comune di Bari di risolvere il problema “viabilità e parcheggi” per i dipendenti del Palazzo di Giustizia di Piazza De Nicola, dal momento che la situazione in questione si è di recente aggravata, stante l’assorbimento da parte del Palazzo di Piazza De Nicola di parte dei dipendenti in servizio presso il Palazzo di via Nazariatz chiuso e, quindi, l’aumento dell’affluenza di personale ed utenza che quotidianamente affollano il Tribunale.

Nonostante la Conferenza Permanente ed il Procuratore Generale avessero a suo tempo condiviso e compreso i disagi e le ragioni del personale amministrativo da noi rappresentate ed abbiano coinvolto il Comune di Bari per quanto di competenza, ad oggi la situazione non è stata ancora risolta.

Attendiamo, fiduciosi, l’esito della Conferenza Permanente del 12 novembre prossimo.

Alleghiamo:

 1. nota del 26/10/18 – “situazione di caos e difficoltà nella viabilità e parcheggio dei dipendenti presso il Palazzo di Giustizia di Piazza De Nicola”.

2. Sollecito lettera parcheggi BARI del 2/12/2016 e doc allegata;

3. Risposta Procuratore Generale del 21/06/16;

4. Flash 2017 N.1 “incubo parcheggi Tribunale di Bari atto secondo…”

5. Flash 35 Caos parcheggio Bari

 

    Il Segretario Generale Regionale

Maria Pia Erriquez

 

CONTINUITA’ O CAMBIAMENTO? “vorrei vedere la giustizia funzionare meglio”

Queste le parole del sottosegretario alla Giustizia Vittorio Ferraresi nell’incontro che si è tenuto l’11 ottobre ’18 con le OO.SS. presso il Ministero in Via Arenula.

Abbiamo ascoltato la dichiarazione di intenti di un nuovo Governo, che tra le varie “promesse” ha:

  • Garantito la firma dell’accordo FUA 2017 la prossima settimana;
  • Garantito la discussione dell’ipotesi di FUA 2018 entro il mese di ottobre;
  • Garantito la pubblicazione di tutti i bandi relative alle progressioni economiche entro la prima settimana di novembre, (una trentina di bandi già nella prossima settimana);
  • Riferito che lo scorrimento della graduatoria del 21 quater è stato inserito nella richiesta risorse da allocare nella giustizia.

Non abbiamo potuto fare a meno di evidenziare il nostro malcontento di fronte ad una Amministrazione che convoca tardivamente le OO.SS. e solo per un incontro informativo.

Abbiamo fatto infatti presente come altre Amministrazioni siano già partite da molto tempo con accordi vecchi e nuovi, dunque il cambio di Governo è solo una scusa ma quel che importa evidenziare è che ci preme che nel Ministero della Giustizia le regole devono essere applicate.

Banale a dirsi ma non a farsi. Se Governo del cambiamento deve essere, si deve iniziare con il rispettare gli accordi che si firmano perché ci sono troppi accordi sottoscritti e non rispettati nelle tempistiche e a volte, purtroppo, anche nei contenuti. Qualche esempio? L’accordo del 2016 sulle progressioni economiche, l’accordo del 2007 sulla mobilità interna (che prevede l’interpello annuale per tutte le qualifiche), l’accordo sottoscritto nel 2010 che prevede il passaggio di area per 270 ausiliari, per non dimenticare le posizioni organizzative e la banca delle ore, istituti previsti da contratti vecchi e mai applicati.

Confidiamo che non sia un Governo della continuità, perché continuità vuol dire continuare a non rispettare gli accordi

Confidiamo che sia un Governo del cambiamento ma soprattutto della concretezza perché è quello che i lavoratori vogliono da noi e nostro tramite dall’Amministrazione.

Solo così potrà avverarsi il desiderio del Sottosegretario Ferrarese e la Giustizia funzionerà meglio!

Flash 34 Governo della concretezza

Segretario Generale
(Claudia Ratti)

EMERGENZA GIUSTIZIA BARESE: CONFERMATA LA SEDE EX TORRE TELECOM

Il 5 settembre scorso si è tenuta la Conferenza Permanente presso la Corte di Appello di Bari, alla presenza dei delegati del Ministero, Dott.ssa Fabbrini e Dott. Mungo, di tutti i Vertici e dei Capi degli Uffici Giudiziari baresi, dei rappresentati di ANM ed Ordine Avvocati, del Direttore Generale del Comune di Bari, delle RLS ed le RSU di Sede per discutere sugli sviluppi dell’emergenza giustizia barese e dello status del trasferimento degli uffici della Procura e del Tribunale Penale rispettivamente a Bari, in via Brigata ed a Modugno,

Presente la delegazione di CONFINTESA FP, rappresentata dalle proprie RSU di sede, tra cui il Segretario Generale Regionale Puglia (Maria Pia Erriquez) ed il Vice Segretario Provinciale (Mariantonietta Casalaspro).

Durante la riunione la Fabbrini ed i Vertici istituzionali hanno riconosciuto espressamente lo spirito di abnegazione di tutto il personale amministrativo barese coinvolto in questa situazione che, nonostante gli enormi disagi subiti e subendi, sta faticosamente collaborando per la buona riuscita di questa difficile impresa; in particolare, il Capo Dipartimento ha mostrato la massima disponibilità nei confronti dei Capi degli Uffici baresi a fornire maggiore supporto in termini risorse umane ed economiche, anche prevedendo la formazione di una apposita “task force” di assistenti giudiziari per lo smaltimento delle migliaia di notifiche necessarie, in considerazione dell’ imminente scadenza della sospensione dei termini processuali per i procedimenti penali baresi.

Intanto, a fronte dello spostamento in corso dell’area penale del Tribunale a Modugno, è emerso il “parziale congelamento” del trasloco della Procura da Via Nazariatsz in via Brigata, stante la oggettiva inadeguatezza degli spazi adibiti presso questa sede, idonei solo per parte del personale in servizio alla procura, ivi inclusi i magistrati e forze dell’ordine, ipotizzando un eventuale anticipato possesso da parte del relativo personale non appena vi sarà la materiale disponibilità della nuova sede prescelta della Torre Ex Telecom.

Ad ogni modo, Confintesa Fp si ritiene soddisfatta della scelta delle Torre Telecom quale nuova sede provvisoria degli uffici giudiziari penali baresi in quanto ritenuta tra le tante prospettate la più idonea, scelta peraltro condivisa da tutti i rappresentanti della varie categorie e dalla maggioranza degli attori istituzionali per i quali, in questa occasione, per la prima volta vi è stata “concordia” circa le decisioni da intraprendere.

All’esito della riunione, il Presidente della Corte, Franco Cassano, ha preso atto che le decisioni della Conferenza Permanente sono comunque rinviate alla prossima seduta dell’8 ottobre.

Come sempre, continueremo a tenervi informati!

Alleghiamo alcune foto della Conferenza Permanente.

 

 

 

 

 

FLASH 33 EMERGENZA GIUSTIZIA BARESE- CONFERMATA LA SEDE EX TORRE TELECOM

ll Segretario Generale Regionale

Maria Pia Erriquez

 

Richiesta unitaria di informazione preventiva

5th Set
2018
Non Attivo

E’ stata inviata la richiesta unitaria di informazione preventiva all’Amministrazione e di aggiornamento sui lavori per la definizione delle progressioni economiche del personale e non solo … ad oggi non si conoscono ancora i tempi per la sottoscrizione definitiva dell’Accordo Fua 2017 e dell’Accordo sulle ulteriori progressioni economiche 2018, se certificati dagli organi di controllo, o, nel caso contrario, per verificare quali problematiche impediscano la conclusione degli iter relativi.

Lettera unitaria richiesta informazioni piano dei fabbisogni e progressioni economiche

 

 

 

 

NON C’E’ DUE SENZA TRE

4th Set
2018
Non Attivo

Il Ministero della Giustizia:

  1. Dicembre 2017: assume e rende disponibili le sedi per 1400 Assistenti Giudiziari senza procedere agli interpelli tra il personale interno che, da anni, aspetta.
  2. Marzo 2018: assume ulteriori 1024 Assistenti Giudiziari e rende disponibili ulteriori sedi non conosciute ai precedenti 1400.
  3. Luglio 2018: assume ulteriori 420 e rende disponibili ulteriori sedi, parte delle quali sono ambite dal personale già in servizio (vecchi e nuovi assunti) senza dare a questi ultimi alcuna “priorità” di scelta.

E la (brutta) storia si ripete: il Ministero sta creando ulteriori spaccature e contrasti non solo tra il “vecchio” personale e i “nuovi” assistenti ma anche tra assistenti dello stesso concorso, per i quali la graduatoria di merito si è trasformata in un elenco di colleghi che hanno semplicemente superato un concorso senza alcun riconoscimento della posizione e, quindi, del merito individuale per la scelta delle sedi.

Se non si riesce a porre un argine a questa prassi abbiamo la certezza che si ripeterà anche per le future assunzioni con ulteriori frustrazioni del personale (vecchio e nuovo) ed inevitabili contenziosi (spontanei o patrocinati dalla nostra O.S.).

Noi non ci stiamo, non vogliamo assistere a questo ennesimo scontro e vogliamo, invece, far capire a tutti i lavoratori che, tutti a turno, si può essere vittime.

Bisogna reagire compatti con la consapevolezza che solo insieme possiamo vincere, mossi dalla solidarietà che ci deve contraddistinguere per raggiungere tutto quello che desideriamo, nel rispetto dell’anzianità e del merito.

CHE GIUSTIZIA È QUESTA?

+ Leggi di Più

REGOLAMENTO SUGLI INCENTIVI: CHI L’HA VISTO?

6th Ago
2018
Non Attivo

A novembre del 2017 la nostra Federazione sollecita l’emanazione del regolamento sugli incentivi per funzioni tecniche espressamente previsto dalla normativa sugli appalti pubblici.

A gennaio 2018 il DAP da solo convoca le OO.SS. per sottoporre il suo schema di regolamento e procedere alla sua emanazione.

Troppo zelante, il DAP viene bloccato dal Gabinetto del Ministro, secondo il quale – e a ragione – il regolamento è unico per tutti i dipartimenti inviando a fine marzo 2018 una bozza di regolamento per le eventuali osservazioni alle OO.SS. da far pervenire entro il 12 aprile..

Aprile è passato, maggio è passato, così come giugno e luglio.. … è arrivata l’estate ma del regolamento non si sa nulla…

Ricordiamo a noi stessi che l’art.113 del d.lgs. 50/2016 ha introdotto l’istituto degli incentivi per le funzioni tecniche, finalizzato a premiare alcune attività, in particolare:

programmazione spesa, investimenti;  Verifica preventiva dei progetti di predisposizione e controllo delle procedure di bando e di esecuzione dei contratti pubblici; R.U.P. ; Direzione dell’esecuzione e di verifica di conformità.

È  dal 2006 che chiediamo il riconoscimento e l’applicazione dei corrispettivi e incentivi al fine  di riconoscere l’impegno, l’ alta professionalità e le elevate responsabilità dei lavoratori soprattutto  del personale informatico del Ministero della Giustizia coinvolto nella progettazione per la realizzazione delle infrastrutture di cablaggio, nella realizzazione degli studi di fattibilità di progetti legati ai sistemi informativi automatizzati, nella progettazione dei Sistemi informativi automatizzati, nella direzione dei lavori e nei collaudi di hardware, software e reti… attività spesso lautamente pagate a Società esterne.

La Confintesa F.P. non demorde, scrive al nuovo Ministro e chiede il sollecito dell’emanazione di detto regolamento.

Noi ci siamo sempre perché non vogliamo che siano defraudate, per l’ennesima volta, le legittime aspettative che la legge riconosce costantemente al personale con istituti innovativi e potenzialmente atti a valorizzarne le competenze, ma che poi risultano inapplicabili per l’inerzia delle burocrazie centrali. Vorremmo una giustizia veloce.

Mettiamo a disposizione la nota inviata all’Amministrazione prot 51 sollecito regolamenti incentivi

Flash 32 regolamento incentivi

 

Ratti(Confintesa FP) : Sul maxi concorso per assistenti giudiziari siamo al “chi tardi arriva meglio alloggia”

2nd Ago
2018
Non Attivo

“Ormai meritocrazia è un termine desueto e accantonato nel lessico della PA.” Lo dichiara Claudia Ratti, Segretario Generale di Confintesa FP in ordine alla rivolta dei vincitori del concorso per assistenti giudiziari.Sono centinaia i ricorrenti, collocatisi nei primi 1400 in graduatoria, che hanno depositato ricorsi al TAR del Lazio perché costretti a scegliere sedi lavorative a centinaia di chilometri dalle proprie case mentre, con lo scorrimento della graduatoria, sono state messe a disposizione nuove sedi, molto ambite, scelte da coloro che si sono collocati in peggior posizione nella graduatoria di merito. Insomma, come dice il vecchio proverbio, chi tardi arriva meglio alloggia. Non è giusto che la scelta delle sedi venga lasciata al caso e sia rimessa alla fortuna invece che al merito di ciascuno, condizionando pesantemente la vita dei lavoratori e delle proprie famiglie. Confintesa FP chiede che venga rivisto il criterio di assegnazione delle sedi consentendo ai lavoratori danneggiati di poter effettuare la scelta sulla totalità delle sedi di servizio”.

BARI: IL MINISTRO CI CONVOCA A ROMA PER L’EMERGENZA UFFICI GIUDIZIARI – CONFINTESA F.P. PRESENTE –

L’ 1/08/2018 il Ministro Bonafede ha convocato le OO.SS. e le RSU di tutti gli uffici giudiziari di Bari e, insieme al Capo Dipartimento Reggente, Dott.ssa Barbara Fabbrini ed al Direttore Generale del Bilancio e Contabilità, Dott. Lucio Bedetta, ci ha assicurato che farà quanto è necessario per risolverla al più presto e nel migliore dei modi l’emergenza barese.

E’ intervenuta, poi, la Dott.ssa Fabbrini che ha relazionato sullo stato dell’arte e ci ha fatto sapere che il Ministero farà quanto necessario affinchè questo spostamento avvenga con il minor danno possibile per i lavoratori, anche in termini di supporto economico.  Presente la delegazione di CONFINTESAFP, rappresentata dal Segretario del Coordinamento Nazionale Giustizia, Federica Greca e del Segretario Generale Regionale Puglia, Maria Pia Erriquez ( anche RSU della Corte di Appello).

Durante la riunione, il Segretario Regionale Puglia ha esposto la posizione della Sigla, da sempre contraria allo smembramento della giustizia barese, ed ha consegnato nelle mani del Ministro un documento dove vengono dettagliatamente enucleate le ragioni del personale amministrativo e le proposte di Confintesafp in merito alla vicenda di via Nazariatz.

Nell’occasione, lo stesso Segretario ha chiesto alla Dott.ssa Fabbrini ed al Dott. Bedetta come intendono procedere concretamente in merito al personale e, apprezzandone l’atteggiamento di apertura nei nostri confronti, ha richiesto espressamente l’attribuzione ai lavoratori di quante più possibili “agevolazioni” in termini giuridici, economici e logistici, in considerazione del grave disagio sopportato e sopportando nel trasferimento.

In particolare, la Dott.ssa Fabbrini, poi, si è riservata di valutare la situazione e di rispondere al più presto ufficialmente al quesito da noi sottoposto di come debba intendersi “giuridicamente” lo spostamento dei lavoratori alla sede di Modugno, essendo Comune diverso da Bari, ossia se debba trattarsi di mera “applicazione temporanea” oppure di vero e proprio ”trasferimento “ad altra sede o se invece debba applicarsi al caso altro istituto specifico. 

Continueremo a tenervi informati!

Alleghiamo: Nota a verbale consegnata personalmente al Ministro dell’1/8/2108.

ll Segretario Generale Regionale

Maria Pia Erriquez

1 2 3 62